Sardegna, perché in traghetto è meglio

sardegna in traghetto

La Sardegna è una meta perfetta per le vacanze, in ogni periodo dell’anno. Da molti anni l’isola è anche molto ben collegata al continente, infatti la si può raggiungere con i traghetti che salpano da vari porti italiani ed europei, oltre che con l’aereo.

Gli aeroporti sull’isola sono vari, distribuiti nelle varie zone maggiormente popolate. Molti di coloro che ogni anno vanno in Sardegna tendono però a prediligere il traghetto, forse in parte anche per il costo del viaggio, ma non solo.

La comodità del traghetto

Andando in traghetto in Sardegna si può portare con sé la propria autovettura; questo è un elemento da considerare visto che in Sardegna sono molteplici le zone da visitare. Certo, c’è chi sbarca sull’isola e si ferma in un’unica località balneare, spostandosi di poco, cosa fattibile anche approfittando dei mezzi pubblici.

Chi però vuole godere delle vere bellezze dell’isola deve forzatamente avere un mezzo di locomozione, moto o auto che sia poco importa. Il bello della Sardegna è infatti la possibilità di visitare ogni giorno una nuova baia, una spiaggia diversa da quella del giorno precedente.

Oppure spingersi nell’entroterra, approfittando anche dei tanti itinerari lungo le strade interne, che portano nei luoghi più carichi di storia e dove è ancora possibile trovare le tradizioni della vera Sardegna, come consigliato in questo video:

Partire per la Sardegna

Sono molti i porti dai quali si può partire per la Sardegna, da Genova fino a Napoli. Se vuoi organizzare la tua vacanza in Sardegna, in auto o in moto, acquista il traghetto Napoli Olbia qui, anche con mesi di anticipo. Questo ti consentirà di scegliere l’orario della partenza e anche di prenotare eventualmente una cabina.

Solitamente chi vuole godersi appieno il soggiorno in Sardegna tende a prediligere le navi che salpano nelle ore serali, in questo modo si viaggia nella notte e si arriva sull’isola al mattino.

Dove andare in Sardegna

Sono molte le zone della Sardegna oggi vocate al turismo. Di certo la più nota è la costa Smeralda, che si trova nella parte a nord est dell’isola, nei dintorni di Olbia. Molti appassionati di mare oggi prediligono la costa meridionale, sia nella zona vicino a Cagliari, sia nella parte più a ovest, verso Carloforte o Chia a seconda dei casi.

Ogni tratto di costa dell’Isola propone spiagge di vario genere, da quelli con spiagge bianche in stile caraibico, fino alle piccole calette che si aprono tra gli scogli. Alcune sono perfettamente attrezzate e organizzate, con locali dove trovare ristoro e a volte anche sdraio e ombrelloni; altre invece sono leggermente più allo stato brado, con la natura che la fa da padrona.

La scelta dipende un po’ da come si vuole vivere la giornata al mare, ma anche dai gusti del singolo viaggiatore. L’entroterra è altrettanto interessante, con piccoli borghi arroccati tra le rocce, antiche fortificazioni, resti della popolazione nuragica che viveva qui varie centinaia di anni fa e che ha lasciato tumuli funerari e varie strutture lungo tutta l’isola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *