Napoli, Sequestrata un’area di rifiuti speciali: una denuncia

evade dai domiciliari arrestato
I Carabinieri del NOE di Napoli, nel corso delle attività finalizzate al contrasto dei reati ambientali legati al ciclo dei rifiuti urbani e speciali, hanno intensificato i controlli nel beneventano.

In particolare, a Paolisi (BN), nel corso di verifiche eseguite unitamente ai militari della Stazione Carabinieri di Arpaia (BN), i militari hanno accertato che uno stabilimento industriale dedito alla “lavorazione dei materiali compositi per l’aeronautica quali carboresina, kevlar, tessuti di vetro e similari” non smaltiva i rifiuti derivanti dal ciclo produttivo, che venivano illecitamente depositati e stoccati nel piazzale dell’azienda.

All’atto del controllo sono stati rinvenuti ingenti quantitativi di rifiuti speciali pericolosi e non, costituiti per la gran parte da scarti di lavorazione del carbonio polimerizzato, materiali plastici imballati, carta e cartone, nonché barattoli di vernice, depositati in maniera incontrollata in aree scoperte ed in parte anche direttamente sul terreno senza alcuna protezione per le matrici ambientali.

Al termine degli accertamenti è stata sottoposta a sequestro un’area di circa 150 mq pavimentata con complessivi 350 mc circa di rifiuti speciali, in parte anche pericolosi.

Il gestore dello stabilimento è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento per “deposito incontrollato di rifiuti oltre i limiti temporali consentiti”.

Il valore complessivo del sequestro ammonta a circa 100.000 Euro.

Fonte: Comando Provinciale di Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *